Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa utilizzo di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per fruire del sito è necessario acconsentire o modificare le impostazioni del proprio browser. Per saperne di piu leggi l'informativa sulla privacy.

 

 

La legge n. 170 dell’8 ottobre 2010 “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento” riconosce “ la dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculia quali disturbi specifici di apprendimento (DSA) che si manifestano in presenza di capacità cognitive adeguate, in assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriali, ma possono costituire una limitazione importante per alcune attività della vita quotidiana”. La stessa legge garantisce agli studenti con DSA “l’uso di una didattica individualizzata e personalizzata, con forme efficaci e flessibili di lavoro scolastico che tengano conto anche di caratteristiche peculiari dei soggetti […], l’introduzione di strumenti compensativi, compresi i mezzi di apprendimento alternativi e le tecnologie informatiche, nonché misure dispensative da alcune prestazioni non essenziali ai fini della qualità dei concetti da apprendere; per l’insegnamento delle lingue straniere, l’uso di strumenti compensativi che favoriscano la comunicazione verbale e che assicurino ritmi graduali di apprendimento, prevedendo anche, ove risulti utile, la possibilità dell’esonero.”

Il nostro Liceo, in conformità con le leggi vigenti, mette in atto molteplici azioni per intervenire efficacemente nei casi di disturbi specifici dell’apprendimento, individuando e applicando strategie didattiche, metodologiche e valutative idonee che rispondano ai bisogni educativi degli alunni con D.S.A.

A tal fine è stato nominato un referente D.S.A., che si occupa: delle relazioni tra colleghi, studenti, famiglie egli operatori ASL;

di supportare i colleghi fornendo indicazioni in merito alle norme vigenti, alle misure dispensative e compensative, alle strategie didattiche – relazionali da attuare nelle classi dei ragazzi DSA;

di collaborare, se necessario, con i Cdc alla stesura del Pdp;

di informare i colleghi su eventuali attività di formazione nel territorio o di condivisione online di buone pratiche;

L’Istituto si attiverà nel corso del corrente anno scolastico, compatibilmente con le risorse disponibili, in opportune azioni di formazione per i docenti, rivolte all’informazione generale circa le caratteristiche dei DSA, all’assetto normativo attuale di riferimento e soprattutto finalizzate a fornire agli insegnanti strumenti operativi concreti per scelte metodologiche efficaci e realmente rispondenti ai bisogni degli studenti.