Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa utilizzo di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per fruire del sito è necessario acconsentire o modificare le impostazioni del proprio browser. Per saperne di piu leggi l'informativa sulla privacy.

 

 

Per l’attribuzione del credito scolastico si fa esclusivo riferimento alle Tabella A (per i candidati interni) e alle Tabelle B e C (per i candidati esterni) del D.M. 16 dicembre 2009, n. 99

Criteri per l'attribuzione del credito all'interno della banda di oscillazione.

Il credito scolastico, da attribuire nell’ambito delle bande di oscillazione indicate nella tabella, va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione, oltre alla media dei voti, i seguenti indicatori:

  • assiduità della frequenza scolastica (assenze inferiori a 15 giorni per anno)

  • interesse ed impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative

  • crediti formativi (il credito formativo, ai fini del raggiungimento della fascia alta all’interno della banda di oscillazione, ha un valore doppio in presenza di certificazioni internazionali relative, ad esempio, alla conoscenza delle lingue straniere o alle conoscenze informatiche)

FASCIA ALTA

All’interno della banda di oscillazione, si attribuisce un credito corrispondente alla fascia alta in presenza di una delle seguenti condizioni:

  • M ≥ 0,50

    • 0,40 + 1 indicatore

    • M ≥ 0,30 + 2 indicatori

    • M ≥ 0,20 + 3 indicatori

    • M > 9 = credito 8 per 3° e 4° anno; credito 9 per il 5° anno anche in assenza di ulteriori indicatori.

TABELLA A

Candidati interni

Media dei voti

Credito scolastico (Punti)

 

I anno

II

anno

III

anno

M=6

3-4

3-4

4-5

6<M≤7

4-5

4-5

5-6

 

 

 

 

7<M≤8

5-6

5-6

6-7

8<M≤9

6-7

6-7

7-8

9 <M ≤ 10

7-8

7-8

8-9

NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Al fini dell’ammissione alla classe successiva e dell’ammissione all’esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, nessun voto può essere inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l'attribuzione di un unico voto secondo l'ordinamento vigente. Sempre ai fini dell’ammissione alla classe successiva e dell’ammissione all’esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, il voto di comportamento non può essere inferiore a sei decimi. Il voto di comportamento, concorre, nello stesso modo dei voti relativi a ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l’attribuzione di un unico voto secondo l’ordinamento vigente, alla determinazione della media M dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Il credito scolastico, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione, oltre la media M dei voti, anche l'assiduità della frequenza scolastica, l'interesse e l'impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative ed eventuali crediti formativi. Il riconoscimento di eventuali crediti formativi non può in alcun modo comportare il cambiamento della banda di oscillazione corrispondente alla media M dei voti.

In presenza di uno o più voti portati a 6 per voto di Consiglio si attribuisce un credito corrispondente al punteggio minimo della banda di oscillazione.

Le tabelle B e C riguardano i crediti attribuibili ai soli candidati esterni per l’esame d’idoneità riferito al numero degli anni di cui si richiede l’ammissione e le prove preliminari di accesso all’Esame di Stato.

Si noti che il credito attribuito per l’ultimo anno è uguale a quello dei due precedenti, in quanto non è possibile determinare parametri quali presenze, partecipazione al dialogo educativo, comportamento.

TABELLE B

e C Candidati

esterni

Media dei voti

Credito scolastico (Punti)

 

I

anno

II

anno

III

anno

M=6

3-4

3-4

3-4

6<M≤7

4-5

4-5

4-5

7<M≤8

5-6

5-6

5-6

8<M≤9

6-7

6-7

6-7

9 <M ≤ 10

7-8

7-8

7-8

La nota per la precedente Tabella A è da ritenersi valida anche per quest’ultima.