Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa utilizzo di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per fruire del sito è necessario acconsentire o modificare le impostazioni del proprio browser. Per saperne di piu leggi l'informativa sulla privacy.

 

 

Le scelte generali sono le seguenti:

      • Salvaguardia e valorizzazione della specificità liceale: sviluppo di una formazione ricca, generale e critica, non vocata precocemente ad una professionalizzazione specifica;

      • Salvaguardia e valorizzazione della ricchezza d’indirizzi propria dell’istituto e delle loro caratteristiche peculiari, pur nel dialogo e nello scambio costante tra le specificità stesse;

      • Dialogo e scambio con il contesto territoriale di riferimento, nell’ottica però di un riferimento costante ad orizzonti culturali il più universali possibili.

      • Valorizzazione della collegialità, armonizzazione tra aspetti didattici ed amministrativi, utilizzo efficace delle risorse finanziarie, umane e strumentali disponibili, attenzione alle possibilità di reperirne di nuove.

      • Valorizzazione delle risorse umane, attraverso la formazione, l’attribuzione di incarichi e responsabilità, l’attenzione alla ricchezza delle professionalità individuali.

      • Sviluppo delle collaborazioni per attività miranti alla crescita culturale, umana e sociale.

      • Attenzione costante ai bisogni dell’utenza, anche attraverso l’istituzione di ambiti di confronto sui bisogni stessi e sulle risposte possibili.

      • Ricerca, in un’ottica di trasparenza, efficacia ed economicità, nei limiti delle risorse disponibili e delle priorità individuate, dell’apporto di professionalità non presenti in istituto, per la risoluzione di problemi legati alle finalità dell’istituto stesso.

Le scelte progettuali saranno perseguite attraverso l'organico dell'autonomia, funzionale alle esigenze didattiche, organizzative e progettuali della scuola, così come emerse dal RAV, con attività di insegnamento, potenziamento, sostegno, organizzazione, progettazione e coordinamento, finalizzate a realizzare margini di miglioramento significativi individuati prevalentemente nelle seguenti aree:

        • area logico-matematica e scientifica;

        • area linguistica, con prevalente attenzione alla lingua inglese;

        • area di sviluppo e potenziamento delle competenze digitali;

        • area delle metodologie laboratoriali e delle attività di laboratorio;

        • area dell'alternanza scuola-lavoro.

In riferimento a ciascuna delle aree sono stati progettati interventi specifici per rafforzare, nel triennio, le azioni già poste in essere nell'istituto.

Per la piena realizzazione del curricolo della scuola e la valorizzazione delle potenzialità e degli stili di apprendimento nonché della comunità professionale scolastica con lo sviluppo del metodo cooperativo, nel rispetto della libertà di insegnamento, la collaborazione e la

progettazione, l’interazione con le famiglie e il territorio sono perseguiti mediante le forme di flessibilità dell’autonomia didattica e organizzativa previste dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, e in particolare attraverso:

        • il potenziamento del tempo scolastico anche oltre i modelli e i quadri orari, nei limiti della dotazione organica dell’autonomia di cui al comma 5, tenuto conto delle scelte degli studenti e delle famiglie;

        • la programmazione plurisettimanale e flessibile dell’orario complessivo del curricolo e di quello destinato alle singole discipline, anche mediante l’articolazione del gruppo della classe.

Al fine di dare piena attuazione al processo di realizzazione dell’autonomia e di riorganizzazione dell’intero sistema dell'istituto si farà leva sull'organico dell’autonomia, funzionale alle esigenze didattiche, organizzative e progettuali, nei limiti della dotazione organica complessiva

del personale docente, nonché della dotazione organica di personale amministrativo, tecnico e ausiliario e delle risorse strumentali e finanziarie disponibili.

I docenti su posti di potenziamento dell’organico dell’autonomia, nella quota, per l'attuale anno scolastico, di quattro, dovranno concorrere alla realizzazione del piano triennale dell’offerta formativa con attività di insegnamento, di potenziamento, di sostegno, di organizzazione, di progettazione e di coordinamento nelle aree maggiormente deficitarie, così come detto sopra e derivante dalla lettura del RAV.